giovedì 5 luglio 2012

La Marmellata di Albicocche di zio Gino


Ogni anno, il mio vicino preferito, zio Gino, mi regala puntualmente dei secchi pieni albicocche; piccole, punzecchiate, anche brutte direi, ma buonissime. Che farne quindi se non dei bei barattoli di marmellata?
Non allego in basso  la Ricetta, anche se la mia somiglia tantissimo a quella di "Io porto il Dolce" a cui vi rimando, ma piuttosto mi piacerebbe fare l'elenco di ciò che occorre, "prima di iniziare" a fare la marmellata di albicocche.

Cosa occorre per una buona Marmellata di Albicocche:
occorre la voglia ed il gusto di assaggiare un prodotto eccezionale
occorre il tempo e la grazia di dedicare un pomeriggio a delle operazioni antiche
occorre la pazienza o la fortuna di avere un ottimo frutto di partenza
occorre la stessa pazienza nella ricerca dei migliori prodotti secondari
occorre la perizia nelle operazioni di cottura e sterilizzazione
occorre la gioia di fruirne con le persone a cui si vuole bene!

Procedimento in sintesi:
prendo i barattoli ed i coperchi e li faccio sterilizzare per 15/20 minuti circa 
lavo le albicocche e poi le taglio a pezzi molto piccoli
le peso al  loro netto
metto le albicocche in pentola aggiungendo la metà del loro peso in zucchero
cuocio a fuoco molto moderato per circa 40 minuti
verso nei barattoli e chiudo
sterilizzo di nuovo i barattoli pieni 
li lascio raffreddare capolvolti e coperti


Foto tratta da:  http://menuturistico.blogspot.it/2009/06/marmellata-di-albicocche.html
Link:  http://ioportoildolce.blogspot.it/2012/05/come-si-fa-la-marmellata.html

3 commenti:

Marina ha detto...

Anche io oggi sono di marmellata di albicocche, un profumo fantastico.
A presto
Marina

mariaidabenussi ha detto...

io la farò la prossima settimana, coi fiori di lavanda ... complimenti per il blog ... *_*

Anna ha detto...

Secondo me è la marmellata più buona, se fatta in casa. Io seguo la ricetta di Delia Smith, una famosa chef inglese. Quest'anno mi sono frenata, e ho rinunciato al solito "rito", perchè, se la preparo, perdo controllo e ne mangio tanta!

CIAO!

ANNA