lunedì 10 settembre 2012

Scegliere Atraveo o Interhome per la Casa Vacanze

 
 

Se dobbiamo partire dall'inizio allora dobbiamo proprio fare una premessa:
".....nel lontano 1995, io e mio marito organizzammo il nostro Viaggio di Nozze, chiamato solo viaggio, come tale appunto, centrato soprattutto sui cosiddetti Centri Minori. Volontariamente scartammo tutte le mete più gettonate, tali, Malindi, Formentera, Bhamas, Majorca, Sharm el Sheik vari, per optare per un viaggio in macchina in Italia, ben consapevoli che sarebbe stato un primo viaggio itinerante a carattere sperimentale, di una lunga serie (spero).
Chiaramente ci siamo rivolti a tre Agenzie di Viaggio di cui devo riassumere in sintesi gli esiti:......."

Gli sposi e clienti: Massimo e Francesca: MF
Agente di Viaggio (sintesi dei tre): AG

MF Buongiono, vorremmo organizzare un viaggio di una quindicina di giorni in Italia dopo il ns matrimonio
AV (sguardo incuriosito)
MF Avremmo pensato di scartare le varie Sharm e concentrarci invece tra l'Italia settentrionale e centrale magari con una puntatina in Francia
AV (sguardo impaurito)
MF vorremmo ad esempio togliere Firenze e sostare a Lucca, che ha ancora delle Mura di Cinta intatte e poi togliere Venezia ed inserire invece Vicenza; dopo averle studiate, gradirei vedere alcune Ville Palladiane, magari anche Asiago che si trova nelle vicinanze. Sul versante opposto certamente Aosta e Torino.
AV (sguardo terrorizzato)
AV ma è un viaggio di nozze non potete togliere Firenze e Venezia!
MF guardi.....di Venezia non ne posso più, ci sono stata almeno quattro volte compreso la Regata Storica, e Firenze la conosco in tutte le salse;  potrei citarle i Capolavori contenuti agli Uffizi e a Pitti; anzi, mi stà facendo tornare in mente che si organizzano delle Gite sul Brenta con il Burchiello che partono da Vincenza e poi terminano in Piazza San Marco, se proprio dobbiamo, ne sà qualcosa?
AV no! e poi....Aosta, Torino ma che ci andate a fare?
MF ...a bere un bicchierino di Bicerin..." grazie, arrivederci!

Da allora ovviamente, non solo non abbiamo messo più piede in un'agenzia di viaggi (non me ne vogliano professionisti più seri e sensibili) ma ci siamo sempre organizzati i viaggi da soli, e con successo!

 
 

Perchè scegliere una casa e non un albergo:
La nostra, all'inizio non è stata una scelta ma una logica conseguenza avendo un bambino intollerante al glutine; sarebbe stato un lavoro eccessivo e molto impegnativo organizzare il viaggio inserendo anche le strutture gluten free.
Questa scelta però, ha avuto una logica ed ovvia conseguenza, ossia,  in un appartamento occorre cucinare, sistemare, fare la spesa, raccogliere la spazzatura etc....ossia viverlo, ossia, per una settimana si diventa gente del luogo, e solo in questo modo SI IMPARA e si vedono cose nuove, cosa che non permette l'albergo.
Chiaramente chi affitta una casa sà di non avere di fronte una vacanza di tutto riposo.

 
 

La scoperta di Interhome e Atraveo:
siamo arrivati alla scoperta dell'uno e dell'altro attraverso amici, parlandone e poi attraverso il web. In pratica, entrambe, ma ce ne sono anche altre, altro non sono che dei grandi portali, assimilabili a delle agenzie che pubblicano gli appartamenti che devono essere affittati e sono entrambe chiarissime; foto degli ambienti, mappa e località, descrizioni di dettaglio, prezzi, disponibilità e soprattutto recensioni.
Finora tutti sono stati all'altezza delle nostre aspettative, qualcuno anche superiore.
 

Descrizione sommaria della casa e del quartiere:
avevamo già visto le immagini sul sito, ma quest'anno ci siamo trovati di fronte una casa molto molto carina e soprattutto, fornita di tutto e pulita. I signori Becker, i proprietari, malgrado la poca conoscenza della lingua inglese, si sono mostrati cordiali e disponibili. Cucina con piano cottura ad induzione, forno con microonde, camera letto con letto matrimoniale a stanza guardaroba al lato; soggiorno con divano letto, tv, sistema wifi per il figliolo etc, una bagno grande ed anche una stanza da letto in più disponibile se necessaria. Tutti i consumi erano compresi nel prezzo e la spazzatura differenziata a carico dei proprietari. La casa, inoltre era posizionata all'interno di un quartiere nuovo di villette bi e trifamiliari, con strada centrale chiusa al traffico, escluso quello locale. A circa un centinaio di metri, la stazione della metropolitana leggera per i collegamenti interurbani, un centro sportivo con piscina, più verso il centro, edicola, panetterie, pizzeria, lavanderia, parrucchiere, enoteca ovviamente data la zona ed a 400 mt circa il supermercato del paese Rewe.
Questo supermercato merita qualche parola, non tanto per il merchandising, abbastanza chiaro, non tanto per i prodotti ben organizzati comunque ma per:
- un ampio settore di cibi gluten free, dalla pasta ai dolci; non è tanto la presenza di questo tipo di prodotti, quanto la presenza in un supermercato di un centro di 600 abitanti
- ampio spazio riservato a fiori e giornali; i fiori si vendono molto e le persone che sfogliano i giornali senza comprarli sono pochissime
- una macchinetta trita/bottiglie vuote in plastica e lattine di birra; ogni vuoto rende 25 cent; in pratica se io compro una cassa di acqua che costa 1,20 euro, marca Ya! restituendo i vuoti ho uno scontrino di 1,50 euro; paraddossalmente ci guadagno. Non faccio altri commenti, sarebbe troppo/troppo lungo!
- orario di apertura dal lunedi al sabato: dalle 8,oo alle 22,00; praticamente, avendone usufruito in qualsiasi orario in 7 gg, ho contato almeno 16 visi del personale diversi; possiamo ipotizzare 16/18 persone assunte per tre turni? Non continuiamo....
I negozi più piccoli del centro invece, come avevo già notato sono aperti almeno dalle 7,30 del mattino ma chiudono alle 18,00  con buona pace del menage familiare ed all'interno ci sono almeno due commessi.


Un'altra particolarità evidenziata nei miei vagabondaggi mattutini, mentre il resto della famiglia dormiva: diverse attività commerciali, vendono in aggiunta ai prodotti di serie, cose usate a prezzi molto bassi e soprattutto libri a 1 euro; se ne trovano tantissimi per la grande gioia dei collezionisti e dei bibliofili come me; quest'anno ho trovato un tomo su Caruso ovviamente in tedesco, ad 1 euro!

Un'altra cosa bellissima: temperatura mattutina 16/18 gradi; temperatura giornaliera 20/22 gradi....meraviglioso!

http://www.ferienwohnungen-becker-weinstrasse.de/BilderFerienwohnung.html
In basso il link diretto all'abitazione di Wachenheim scelta quest'anno.
http://www.atraveo.it/objekte/621135.php

PS: questo post non è sponsorizzato.
PS: queste foto sono state scattate da me; se aveste necessità di una copia, citate la fonte.

4 commenti:

cose di lino ha detto...

Il tuo post è molto interessante. Anche noi amiamo questo tipo di vacanze. Non conoscevo questi siti..andrò a dare un'occhiata.
a presto
nunzia

michela {maison} ha detto...

Cara Francesca...che posto meraviglioso! Ho letto il post in un secondo mentre tiravo su il letto (!) sarebbe la mia vacanza ideale! Torno alle faccende, ma tornerò anche da te per rileggermi il post e visitare i siti di interhome e atraveo...per sognare!
Un bacio, buona giornata
Michela

Cucina Mon Amour ha detto...

Ciao Cara,
Bellissimo posto... Delizioso...
Sto sognando...
Un abbraccio.
Thais

Anonimo ha detto...

Anche noi abbiamo inziato per caso ma solo con Interhome e ci siamo trovati benissimo; ti confermo tutto ciò che hai scritto o quasi, almeno nella zona di Friburgo, quindi Swartzwald. Ornella